San Rocco

 

LA STORIA
Nasce nel 1989 grazie alla buona volontà e all’acceso entusiasmo di un gruppo di persone residenti nel Rione; inizialmente nominato “I gladiatori di San Rocco” prende poi il nome di Rione San Rocco l’anno successivo.
Fin dall’inizio il Rione San Rocco si è distinto per la grande voglia di essere un rione all’avanguardia, lo stanno a dimostrare le imponenti strutture realizzate da industriosi genieri (caupona, anfiteatro, colonnato), la personificazione di San Rocco con il suo cane e la cura dei dettagli nell’abbellimento della propria zona.
Passione ed entusiasmo che hanno condotto alle vittorie delle Insulae 1996 e 2000.
La corsa delle bighe è sempre stata un punto fermo per gli organizzatori, lo stanno a dimostrare il lungo elenco di equipaggi maschili tutti competitivi e formati da ragazzi del luogo. Questa perseveranza ha portato le vittorie negli anni 1995, 1997, 2008 e innumerevoli piazzamenti.
Con lo stesso spirito sono state organizzate le squadre per la staffetta romana, competizione nella quale il Rione domina il palmares con le vittorie del 2002 (edizione sperimentale), 2003, 2008 e 2009.
Purtroppo il nostro Rione ha vissuto due periodi bui: tra il 1993-1994 e tra il 2005 e il 2007; anni in cui il gruppo non ha ufficialmente preso parte alle sfilate dello Storico Carnevale di Pont-Saint-Martin.

L'ATTUALITA'
Nel 2008 un gruppetto di nuove leve in collaborazione con la vecchia guardia, ha voluto riprendere il filo del discorso portando il rione alla ribalta.
Dal 2008 la sede è una vecchia casa in via Baron Valleise che funge anche da magazzino.
Il  venerdì di Carnevale in occasione della serata “Rio do Ponteiros” i Lupi hanno sempre offerto crêpes con nutella o marmellata iniziando la tradizione in un noto garage nel 1990. Anche da quando la formula è cambiata e i vari rioni hanno deciso di offrire un vero e proprio menu (La Veillà del Carnevale di Pont-saint-Martin), il San Rocco ha deciso che le crêpes sono un’ottima tradizione da rispettare.
l'impegno e la volontà di riportare il rione ai fasti del passato è stato premiato con la conquista del Premio Insula del 2010, anno del Centenario del Carnevale. Sicuramente questo è il fiore all'occhiello che ci rende particolarmente orgogliosi e il gradito riconoscimento per il lavoro compiuto.

Il 2013
Quest’anno il Rione San Rocco ha voluto focalizzare la propria attenzione sul rinnovamento e sull’abbellimento della propria zona di competenza, senza però tralasciare qualche dettaglio anche per ciò che concerne la sfilata.
Sono state confezionate e appese quasi 400 nuove bandiere che vanno ad arricchire e vivacizzare via Nazionale per Donnas. L’insieme di bandiere va a formare un raffinato effetto di giochi di rombi bianco-viola.
Da diversi anni si cerca una soluzione per la valorizzazione dell’area della “Birreria” e quest’anno si è voluto creare un effetto tempietto con tanto di colonne e un bel bandierone in cui è ritratto un lupo, simbolo del rione.
Si è cercato inoltre di andare a riempire le vie più interne come via Roveschialles e via Carlo Viola.
Per quanto riguarda la sfilata, fanno il loro esordio i giovanissimi “tamburini” tutti ponsammartinesi che vanno a sostituire i bravissimi tamburini della Val di Susa. (che per ragioni legate alla difficoltà di trasferta quest’anno non saranno presenti al carnevale.)
Altra novità sarà la presentazione di una scuola con bambini dotati delle tipiche “Tavolette di cera” romane e, infine, di un mercato che vuole mettere in scena un aspetto importante della vita quotidiana dell’Antica Roma. Un mercato in cui si vendono verdure, ma anche spezie venute da lontano, gioielli, attrezzi per l’artigianato, e addirittura schiavi. Si vuole quindi rompere la rigidità di una sfilata ordinata e compatta per andare a offrire agli spettatori ciò che veramente caratterizzava un “foro” dell’Antica Roma ovvero colori, voci e trambusto.

Il 2014
Anche quest'anno molte energie sono state spese nell'abbellimento della zona di appartenenza. Una trentina di nuove bandiere in formato gigante vanno ad abbellire anche tutta via Circonvallazione dando un ancora maggiore colpo d'occhio bianco viola per i passanti. Per ciò che concerne la sfilata, dopo qualche anno d'assenza, tornano in scena i nostri valorosi soldati e arcieri che sfoggiano le loro armature scintillanti e le spade appena temprate. Poi il seguito: in una vivace cornice fatta da damigelle e matrone, ecco le ancelle del Santo che accompagnano un San Rocco sorprendente.
Farà la sua apparizione una seconda biga interamente restaurata e riportata agli antichi fasti. Le matrone hanno arricchito i loro costumi aggiungendo collane, orecchini e coroncine di grande pregio. E le donne, per invocare aiuto e protezione dagli Dei, portano loro in regalo cornucopie riempite con fiori, suonano gli zufoli e le cetre ed hanno anche cesti con noci e frutta.
I ragazzini, anche quest'anno, sono impegnati a scuola e scrivono sulle loro tavolette di cera le odi e le poesie dei grandi poeti latini, sotto lo sguardo attento del loro maestro d'eccellenza.
I tamburini, giovani ponsammartinesi, con la qualità dei ritmi eseguiti accompagnano la sfilata di quest'anno, ricca, ancora una volta di simboli che vogliono far rivivere allo spettatore lo splendore dell'Antica Roma.

il 2015
Dopo aver lasciato a bocca aperta sé stesso, grazie alla bella vittoria dell’Insula dell’anno scorso, a soli quattro anni dal grande trionfo nell’anno del centenario,  il Rione torna nel 2015 con una veste classica nella cui sfilata emergono i personaggi che da sempre caratterizzano il San Rocco.
Ancora una volta questo Rione si proporrà come l'incarnazione dello spirito carnevalesco mettendo al centro i veri protagonisti, i giovani dagli 0 ai 100 anni che vogliono mettersi in gioco e sfilare.
C'è l'immancabile Santo circondato dalle ancelle. Le popolane, i popolani, i patrizi, le matrone, i senatori, le damigelle, i bambini, i soldati, gli arceri.
Per quanto riguarda l'abbellimento della zona, si è voluto puntare ancora una volta sulla scelta vincente di abbellire le strade, aggiungendo bandiere e aumentando lo splendido colpo d'occhio bianco viola che è facilmente visibile percorrendo via Circonvallazione e via Nazionale per Donnas, ma anche addentrandosi nelle viuzze più decentrate come via Roveschialles, via Carlo Viola e i Boschi.
Non passa mai di moda il fascino del tempietto che sorge nella zona delle fontane in località Birreria.
La Piazzetta Avis ancora una volta sarà il luogo di ritrovo e di convivialità, grazie all'allestimento dell'ormai consolidato accampamento in cui non manca mai del buon vin brulè ad allietare gli animi bramosi di far festa con tutti i lupi del San Rocco.

Il Lupo continua a ululare.

il 2016
Nel 2016, il rione San Rocco, per aumentare la già numerosa presenza di bandiere, aggiunge ed abbellisce la zona Palazzetto dove fa capolino il nuovissimo bandierone dipinto a mano che va a duettare con quello già presente nel “tempietto” in zona Birreria.
Nella sfilata di quest’anno accogliamo con gioia i nuovi bimbi che sono sempre più numerosi, presentiamo con orgoglio le new entries, senza però dimenticare i vecchi lupi che notoriamente perdono il pelo ma non il vizio!
Altra novità, dopo le storiche sciarpe e le T-shirt, nelle occasioni in cui non è necessario il costume romano, ecco che vengono introdotte le felpe.
Quest’anno si è deciso di curare il “look” in borghese dei partecipanti, facendo stampare le nuovissime maglie abbellite da un disegno creato per l’occasione.
Il disegno, decisamente aggressivo, vuole andare a smentire con prepotenza le voci che l’anno scorso davano per spacciato il rione e che professavano un nuovo declino e un tempo di crisi.
Niente di più falso, noi siamo qui, decisi più che mai a far sentire il nostro ululato e a perpetuare la festa del nostro amatissimo Carnevale!

2017 - Un omaggio ai nostri artisti
Il Rione San Rocco non si diletta solamente ad essere parte attiva del Carnevale di Pont-Saint-Martin, ma, durante l'estate, si impegna anche con l'organizzazione di una manifestazione sportiva (30 ore di Green Volley). L'evento, che vede la presenza di diversi atleti di buon livello e un discreto successo tra pubblico e simpatizzanti, toglie però molte energie all'organizzazione del carnevale stesso.
Quest'anno le novità in fatto di addobbi non sono numerosissime.
Sono però molto piacevoli e creati dalla maestria dei nostri artisti, gli esperti Alessandro e Christian, autori anche dei volantini che pubblicizzano gli eventi carnevaleschi del rione.
Abbiamo quindi un bandierone che rappresenta un lupo in notturna interamente disegnato e dipinto a mano e le bandierine di via Carlo Viola, interamente rifatte.
Prezioso il contributo di Nadia che ha decorato la vetrina assegnataci con accessori e costumi di fattura romana. Suo è anche il nuovo stendardo che ci accompagnerà nella sfilata e le coroncine che indossano le matrone.
E' fondamentale sottolineare come però il territorio sia pressoché interamente coperto e quasi tutti i balconi delle vie sfoggino i nostri colori. Non dimentichiamoci che il nostro territorio presenta molte difficoltà per ciò che concerne l’esposizione delle bandiere, soprattutto a causa del problema del vento.
Sempre numerosi i raffiguranti in sfilata, si vedranno infatti sfilare: tamburini, arcieri, soldati, popolani e popolane, damigelle, le ancelle con San Rocco, matrone, patrizi, bighisti, umili contadini e bimbi.
I nostri costumi rispecchiano il più possibile il periodo storico.
Il nostro è infatti uno dei pochi rioni in cui le donne non portano il mantello, ma eventualmente degli scialli o delle stole che in antichità venivano chiamate “pallae”.
Grande importanza viene data alle armi: pilum, spade, archi e frecce, scudi, elmi e armature romane, agli oggetti di uso quotidiano: telai, arpe, vasellame, canestri e i bimbi hanno giochi romani e tavolette di cera per la scuola.

 

 

Colori: viola e bianco
Simbolo: lupo
Zone: via Nazionale per Donnas, via Roveschialles, via Circonvallazione (da via Brigata Lys a via Nazionale per Donnas), via E. Chanoux (fino al bivio con via Carlo Viola), via Carlo Viola (fino al Palazzetto)

sito web: http://rionesanrocco.myblog.it/

Palmares

Premio INSULA:
 1996 2000 2010 2014

CORSA DELLE BIGHE Maschile:
 1995 1997 2008 2016

CORSA DELLE BIGHE Femminile:
nessuna vittoria

STAFFETTA ROMANA:
 2003 2008 2009 2010

STAFFETTA ROMANA BAMBINI:
nessuna vittoria